martedì 2 dicembre 2014

domande_frequenti_3d




Ecco l'elenco delle domande frequenti sul mondo delle stampanti in 3d. Ad ogni vostra domanda c'è una risposta che elimina ogni dubbio o perplessità.
Buona lettura, care lettrici e cari lettori.
Ricordiamo a tutt* che per ulteriori chiarimenti potete scriverci al nostro indirizzo di posta elettronica creiamo3d@gmail.com


lunedì 1 dicembre 2014

idea_3d/2



Fabbricato nello spazio

Nasce una nuova era per la stampante 3d che per la prima volta nella storia ha creato qualcosa lontano dal pianeta Terra, in assenza di gravità. Non è un articolo di fantascienza, ma il risultato ottenuto sulla Stazione Spaziale Internazionale frutto della cooperazione tra Agenzia Spaziale Italiana, l'Agenzia Spaziale Europea e l'Ente Nazionale per le attività Spaziali e Aeronautiche, meglio conosciuta come NASA.
Zero G e Pop 3d sono le macchine che hanno avuto l’onore di poter stampare direttamente nello spazio, aprendo una nuova frontiera per la tecnologia mondiale.

idea_3d/1


La Redazione del nuovo punto d'informazione del mondo tridimensionale è lieta di annunciare la propria nascita in rete.

Idea_3d è il nome delle testata che a breve vedrà la luce e sarà la voce ufficiale di Creiamo_3d, la nostra innovativa realtà aggregativa che punta a diffondere informazione e formazione in questo campo legato all'innovazione tecnologica e dedicato alle nuove frontiere della creatività.

Per partecipare al progetto visita il sito http://creiamo3d.it/ 


La Redazione Idea_3d



lunedì 17 novembre 2014

lunedì 13 ottobre 2014

rassegna_stampa_3d


leggi l'articolo su:

http://www.quinewspisa.it/creiamo-in-3d-lassociazione-che-stampa-oggetti.htm

crEatori_in_3d



I maker (creatori) costituiscono un movimento culturale contemporaneo, che rappresenta un'estensione su base tecnologica del tradizionale mondo del fai da te. Tra gli interessi tipici dei maker vi sono realizzazioni di tipo ingegneristico, come apparecchiature elettroniche, realizzazioni robotiche, dispositivi per la stampa 3D, e l'uso di apparecchiature a controllo numerico, ma anche attività più convenzionali, come lavorazione del metallo, del legno e dell'artigianato tradizionale.

La controcultura maker è fortemente legata al movimento dell'open source. I suoi sostenitori ritengono che la cultura dei maker può essere alla base di nuovi processi di innovazione tecnologica e produttiva, emergenti dal basso e dispiegatisi su piccola scala. La riutilizzazione dei risultati, grazie all'adozione di licenze libere, potrebbe permettere di innescare importanti effetti virtuosi, in cui comunità crescenti di maker sperimentano nuovi approcci alla produzione basati su tecnologie a basso costo, anche su piccolissima scala o per un unico esemplare, fino a prefigurare una nuova rivoluzione industriale.

Tratto da Wikipedia